Drpbox apporta modifiche, ma per la felicità di pochi

Dropbox è un servizio di file hosting che offre un cloud storage, un cloud personale e anche la sincronizzazione automatica dei file. La scorsa settimana è stato annunciato l’apporto di modifiche dal team Dropbox, il quale definisce ora la nuova versione caratterizzata da un’ottimizzazione  riguardante il flusso di lavoro e l’organizzazione dei contenuti.

Le migliorie attivate all’interno della nuova piattaforma Dropbox sono le seguenti:

  • tool esclusivo per notifiche
  • integrazione con dispositivi mobile
  • partecipazione a riunioni da remoto
  • editing diretto dei documenti Office
  • interazioni con i colleghi in real time
  • condivisione elenchi to-do

Con il programma di accesso anticipato si ha la possibilità di provare le novità in anteprima, interfacciandosi direttamente con il client desktop scaricabile. L’idea di questa nuova piattaforma Dropbox è sicuramente allettante per il settore delle imprese e del business, ma fa un po’ ribollire il sangue ai più comuni mortali utenti consumer, i quali utilizzano il servizio per azioni semplici, come il salvataggio delle foto. Non piace nemmeno il recentissimo aumento dei prezzi: l’abbonamento Plus è arrivato a toccare gli 11,99 euro al mese, contro i passati 9,99 euro.

L’obiettivo di Dropbox è ormai alla luce del sole: puntare il più possibile sul business, e questo fa stridere i denti agli utenti veterani per il quale lo spazio era nato e grazie ai quali è cresciuto nel tempo. I cambiamenti a volte sono così, per accontentare una fetta di società o una cerchia stretta, la finiscono per estromettere quel bacino di utenza che ha comunque la propria incidenza sull’andamento del servizio.

RECUPERO DATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *